Cacao

Last Updated on 7 Marzo 2024 by automiamo.com

Il Cacao è una materia prima nuova per me, su cui ho iniziato a fare trading automatico tramite il CFD con Metatrader5 e il broker OANDA.

Non solo trading automatico di breve termine ma anche uno studio dei fondamentali tecnici e geopolitici è necessario per una maggiore consapevolezza di questo particolare mercato.

Fondamentali

  • I primi otto produttori a livello mondiale sono Costa d’Avorio, Ghana, Ecuador, Camerun, Nigeria, Brasile, Indonesia e Papua Nuova Guinea.
  • Costa d’Avorio e Ghana rappresentano da soli quasi due terzi della produzione mondiale. I primi raccolti furono introdotti a partire dalla fine del 1800.
  • L’Europa è uno dei maggiori consumatori al mondo di cacao.
  • Il cacao logora i maggiori produttori in termini di qualità della vita e possibili tensioni geopolitiche si generano a causa del livello di povertà degli agricoltori africani che chiedono stipendi più alti. Su questo i governi dei paesi produttori possono far leva su un maggiore prezzo di acquisto (in franchi CFA nel caso della Costa d’Avorio).
  • A differenza di altre materie prime “soft” come zucchero, cotone e succo di arancia, la questione dei sussidi alla produzione è praticamente assente nei forum commerciali internazionali, rendendo di fatto il prezzo del cacao molto più difficile da gestire.
  • Eccetto che nelle fasi di crisi di offerta, in particolare durante gli anni 70 e nel triennio 2009-2011, storicamente il prezzo del cacao si è mantenuto piuttosto stabile con volatilità molto meno marcata rispetto, per esempio, a quelle riscontrate storicamente sul caffè.
  • L’andamento del prezzo del cacao, per via di una volatilità più “morbida”, offre in generale delle buone opportunità di tipo “trend-following
  • IntercontinentalExchange® (ICE®) è il centro di riferimento per il trading delle commodity “soft” tra cui il cacao. I futures e le opzioni sui futures scambiati in questo exchange sono il benchmark per definire il prezzo della materia prima nonché rappresentano il principale metodo di copertura (hedging) da parte dei commercials e produttori.

La correlazione con le valute

In generale la valuta locale del paese produttore è direttamente correlata al prezzo della materia prima.

Una valuta locale che si rafforza può mettere pressione al rialzo del prezzo della materia prima, perché l’export può essere volutamente ridotto dai produttori per spingere al rialzo il prezzo e mantenere costanti i profitti con una valuta locale più forte.

Sussiste una forte correlazione tra il prezzo del cacao e la sterlina britannica, a causa del dominio coloniale britannico nella parte ovest dell’Africa, e considerando che il prezzo del cacao attualmente è scambiato sull’ ICE di Londra.

Il sito dell’ICE riporta che i traders più esperti sono concentrati principalmente nelle fasi intraday, di sovrapposizione tra la sessione di Londra e quella di New York, quando ci sono forti movimenti sulla sterlina britannica (GBP)

Per l’analisi intermarket tra questa materia prima e il mercato valutario, ho voluto approfondire e ho scaricato i dati storici da TradingView su Excel.

Ho estratto le seguenti statistiche dai grafici settimanali, calcolando le correlazioni su base annuale (52 periodi).

British Pound vs Cocoa

Su 1171 settimane analizzate sul future della sterlina britannica (6B1!), la media storica della correlazione rispetto al prezzo del cacao è pari a 0.38.

81% delle settimane ha una correlazione positiva, con una media pari a 0.53.

Nelle settimane con una correlazione negativa, la media è pari a -0.29.

Questi dati confermano una marcata correlazione storica diretta (81% delle settimane analizzate con una correlazione positiva) tra la sterlina britannica e prezzo della materia prima. Anche la media storica pari a 0.38 è un segnale di tendenziale correlazione diretta.

Franco CFA vs Cocoa

Su 450 settimane analizzate sul cambio franco CFA (la valuta del più grande paese produttore di cacao), la media storica della correlazione rispetto al prezzo del cacao è pari a 0.156.

58% delle settimane ha una correlazione positiva, con una media pari a 0.46.

Nelle settimane con una correlazione negativa, la media è pari a -0.26.

Questi dati confermano una maggiore correlazione storica positiva (58%) tra la valuta locale e prezzo della materia prima, ma in media i due asset risultano decorrelati (indice di correlazione 0.156 compreso tra -0.25 e 0.25).

Ghanaian Cedi vs Cocoa

Il Ghana è il secondo più grande produttore al mondo di cacao.

Ho analizzato la sua valuta locale su 543 settimane storiche.

La media storica della correlazione pari a -0.048.

Il 57% delle settimane ha una correlazione negativa, con una media pari a -0.41.

Nelle settimane con una correlazione positiva, la media è pari a 0.48.

Questi dati confermano una maggiore correlazione storica negativa (57%) tra la valuta locale e prezzo della materia prima, ma in media i due asset risultano decorrelati (indice di correlazione -0.048 compreso tra -0.25 e 0.25).

Nigeria Naira vs Cocoa

La Nigeria è sul podio tra i più grandi produttori di cacao al mondo.

Ho analizzato la sua valuta locale su 492 settimane storiche.

La media storica della correlazione pari a 0.09.

Il 65% delle settimane ha una correlazione positiva, con una media pari a 0.37.

Nelle settimane con una correlazione negativa, la media è pari a -0.41.

Questi dati confermano una maggiore correlazione storica positiva (65%) tra la valuta locale e prezzo della materia prima, ma in media i due asset risultano decorrelati (indice di correlazione 0.09 compreso tra -0.25 e 0.25).


Giancarlo Pagliaroli

/ 5
Grazie per aver votato!

Una risposta a “Cacao”

  1. In Ghana e Costa d’Avorio, che da soli producono i due terzi del cacao, il governo stabilisce il prezzo verso i produttori agricoli che non possono quindi beneficiare dalla volatilità dei prezzi dei futures degli ultimi mesi. In America latina, invece, il mercato è più libero e gli agricoltori possono beneficiare direttamente da questo aumento dei prezzi. Per questo motivo in Ecuador, Brazil, Peru e Colombia gli agricoltori sono fortemente incentivati e stanno aumentando in queste ultime settimane le aree dedicate alla coltivazione del cacao.
    C’è da dire inoltre che in America Latina sono più industrializzati e fanno uso anche di tecnologie genetiche per ridurre rischi di infezione nei semi come sta accadendo alle piantagioni in Africa e rendere la coltivazione anche più resistente agli eventi meteo. La criminalità organizzata in America Latina però può essere un fattore ostativo alla crescita di lungo termine ma si stima che l’Equador nei prossimi anni possa superare il Ghana in produttività.
    Resta l’unica conferma che ci vogliono dai 3 ai 5 anni dalla semina alla raccolta e ora che tutti sono incentivati a produrre di più, con una bolla in corso che presto potrebbe scoppiare riportando i prezzi verso le medie storiche…

Lascia un commento