Le curve invertite. Analisi macro maggio 2022

Last Updated on 3 Agosto 2022 by automiamo.com

La mia sintesi tecnica macroeconomica di Maggio 2022, dopo aver analizzato la mia dashboard tecnica su Tradingview.

Il mercato obbligazionario non mente mai

Partiamo dal mercato obbligazionario USA, attraverso il mio indicatore US Bond Yield Magma Curve mostrato nella seguente figura:

Aprile 2022: il 50% delle curve dei rendimenti (4 curve su 8) si sono invertite rispetto alla curva del rendimento decennale. Quando questo accade, storicamente, siamo davanti a un segnale di imminente recessione.
Maggio 2022: la percentuale è scesa sotto al 50% (3 curve invertite su 8) ma il segnale di paura sul mercato obbligazionario rimane comunque persistente, su timeframe giornaliero. Da monitorare ancora attentamente.

Da gennaio 2022 l’S&P 500 ha subito una flessione del 20% e, con i segnali che ci sta dando il mercato obbligazionario, sono più alte le probabilità che questo calo possa durare ancora, basandoci anche sui dati storici dell’indice e la durata media di una recessione pari a 18 mesi, come mostrato nelle seguenti figure:

Da gennaio 2022 a Maggio 2022 l’S&P 500 sta subendo una flessione del 20%. Gli ultimi cali storici sono stati del 30% durante lo scoppio della pandemia da Covid-19, e del 50% con la crisi del 2008 causata dal crollo dei mutui subprime
In rosso i vari declini del mercato in percentuale dopo una recessione. In blu le durate delle recessioni in mesi.
La linea tratteggiata orizzontale rappresenta la durata media di una recessione in mesi, pari a 18 mesi.

Euro vs Dollaro

Come mostrato nelle seguenti figure, il tasso di interesse reale americano è tornato di nuovo positivo da inizio Maggio, dopo una fase di tassi reali negativi durante la pandemia da Covid-19. 

Il tasso di interesse reale è tornato di nuovo positivo e diretto verso una trendline storica (linea bianca obliqua). Monitorare il livello del tasso 0% (linea rossa orizzontale) se da resistenza diventa un supporto in ottica di una prosecuzione al rialzo del tasso reale.
Nel mese di Maggio, sia le aspettative di inflazione negli Stati Uniti che il rendimento del bond decennale mostrano una possibile rotazione, dopo un rimbalzo su resistenze storiche nell’intorno del 3%.
Da Marzo 2020 a Maggio 2020 si può notare una impennata dei tassi di interesse imposti dalla banca centrale USA (FED), rispetto a quelli definiti dalla banca centrale europea.

A sinistra la forza relativa dell’inflazione year over year degli Stati Uniti rispetto all’Europa. A destra l’andamento del dollaro americano che ha beneficiato di questa flessione del differenziale di inflazione da Giugno 2021 (il dollaro tende ad apprezzarsi rispetto all’euro se l’inflazione degli USA è minore di quella dell’Europa).

Conclusioni

L’ascesa del dollaro è stata accompagnata dal rialzo atteso dei tassi di interesse da parte della FED negli ultimi mesi, e da una forza relativa dell’inflazione USA minore rispetto a quella europea.

Nel Forex, il trend ribassista del cambio Euro/Dollaro deve ora affrontare le aspettative che si stanno creando in merito a un eventuale imminente rialzo dei tassi anche da parte della banca centrale europea, che porterebbe sulla carta a una possibile rotazione rialzista dell’euro.

Nei mercati azionari, le alte volatilità persistenti e i segnali inequivocabili del mercato obbligazionario dettano ancora prudenza in acquisto. C’è stata una flessione del 20% dell’S&P500 negli ultimi 5 mesi e dobbiamo considerare che la durata media di una recessione è di 18 mesi.

La tendenza quindi è di rimanere principalmente liquidi, o parcheggiare parte della liquidità su treasury USA, considerata la rotazione al ribasso del rendimento del bond decennale (si ricorda la correlazione inversa tra rendimento del bond e prezzo del bond).

L’ oro come bene rifugio non è al momento una opzione con un vantaggio statistico alto, considerando che non siamo in stagionalità, e il rendimento reale USA è salito con la rottura della resistenza dello 0% (si ricorda la correlazione inversa tra prezzo dell’oro e tasso di interesse reale USA).

Nell’attesa di segnali rialzisti più concreti,  facciamo analisi fondamentale dei titoli da mettere in portafoglio,  in modo oculato e sistematico, con regole precise, come sto facendo con la mia applicazione per fare stock picking automatico.



Giancarlo Pagliaroli

Disclaimeril contenuto che trovate in questo sito non è da intendersi in alcun modo come consiglio finanziario, né sollecitazione all’investimento. Ragionate sempre con la vostra testa.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.